Cerca
  • Tatiana Dereani per il Mensile Medio Friuli

Il Benessere attraverso il dolce fluire delle acque


Nell' articolo dello scorso mese, gennaio "Acqua: dalle sorgenti al mare un percorso di giochi e di misteri "si parlava di come essa si manifesti in diversi modi nella nostra regione; sorgenti, risorgive, fiumi, fino alla laguna e al mare con colori e paesaggi che cambiano continuamente sorprendendoci, e ci siamo soffermati su un requisito: 'purezza' molto importante dal punto di vista salutistico.

Intervista:

Dott.ssa K. SARO presso Erboristeria ALCHIMIA VERDE Centro benessere Vibrazionale Gleris di San Vito al Tagliamento (PN)

L'acqua di risorgiva effettua meno passaggi, viene direttamente dalla terra e ha "la memoria delle rocce e delle energie di madre terra" dovuta anche al fenomeno carsico, presente in molte aree,che prevede il passaggio delle acque attraverso la roccia che funge da filtro. Unico problema affinché tale purezza giunga a noi è l'utilizzo dei prodotti chimici industriali che utilizza l'agricoltura intensiva e non biologica in quanto possono essere successivamente filtrati dalla stessa acqua nelle falde rischiando un inquinamento da metalli pesanti e molecole chimiche. Il corpo umano è formato da 80% di acqua e spesso ci si dimentica di idratarsi a sufficienza. Un uso corretto si attesta nel bere al giorno dal litro e mezzo ai due di acqua, perché molte tossine presenti sono legate alle molecole d'acqua nel corpo e senza idratazione che pulisce questi complessi misti di acqua e tossina, rimaniamo 'inquinati' internamente con tutte le conseguenze del caso.

L' importanza di una buona idratazione risulta quindi indispensabile in quanto permette di eliminare quegli elementi che, incastrati nel sistema immunitario, nervoso e circolatori potrebbero arrecare danno alla salute con insorgenza di malattia.

Vi sono altri utilizzi dell' acqua a scopi salutistici, ad esempio, le acque termali che con la loro ricchezza in sali e principi attivi riescono a disintossicare la pelle, essa, insieme a fegato e reni sono detti gli organi della pulizia (emuntori). Immergersi in acqua calda (anche non termale) oltre al fattore disintossicante, ci fa sentire come nel ventre materno riattiavando nel cervello sistemi rigenerativi in quanto il corpo ripristina certi meccanismi che erano propri della gioventù.

Altra proprietà dell' immersione in acqua calda è l'effetto rilassante di cui molti hanno necessità a causa del 'male' sociale chiamato stress. Quando una persona è sotto stress ci sono due molecole attive nel sistema nervoso: adrenalina e cortisolo ( dovrebbero essere attivate solo in caso di estremo pericolo ) che consumano e producono tossine. Quando una persona è serena e sta bene, ha un bilancio tra queste due molecole e la serotonina e dopamina (quest'ultime sono presenti nella fase di sonno profondo) riparano e puliscono. In un corpo sano ci sono momenti dove è attivato, per poco tempo, l'asse adrenalina cortisolo e, per maggior tempo, l'asse serotonina e dopamina. Per riequilibrare un po' la tensione accumulata in settimana fare saune, bagni caldi e bere tanta acqua risulta indispensabile per rimane in salute. Un altro fattore è quello emotivo: molte persone che vivono vicino al fiume sanno che quando sono tese e arrabbiate ascoltare il rumore dell'acqua riesce a calmargli il cuore. Questo perché nella spiritualità l'acqua è un fattore determinante per "lavare via" traumi e nodi che sono incastrati nel nostro corpo e nella nostra mente. Fare il bagno in un fiume, quindi essere immersi totalmente nella corrente di acqua pulita come quelle friulana (fenomeno carsico) riescono a pulire a un livello energetico e di campo eletromagnetico entrambe, l' emotività e la fisicità. Si possono unire all'acqua vari elementi, limone, vivamente consigliato perché basifica il corpo e pulisce i reni, ma si possono usare varie tisane ed erbe. Quindi l'acqua diventa un mezzo per trasportare principi attivi nei vari comparti del corpo. In FriuliVG (ma anche nel resto d'Italia) abbiamo la più grande biodiversità al mondo quindi lo studio e la sperimentazione nell'uso dell'acqua e delle piante è infinito per lo scopo del benessere ( bagni con piante, aromi sprigionati dalle stesse che curano e calmano effetti legati a momenti di difficoltà). Una cosa eccezionale di questo territorio è che qui l'acqua la si trova in diverse tipologie: di sorgente che si può definire come il bambino in età infantile, di fiume che si può attribuire alla giovane età della donna sensuale fino ad arrivare al mare che, come la madre, tutto accoglie e trasforma. Seguendo i corsi delle acque dal principio alla fine, possiamo rivivere il percorso della nostra esistenza, spaziare nel nostro inconscio e riscoprirci. Lungo questi corsi tante sono le storie che si vivevano, alcune belle altre misteriose, altre ancora curiose. Questa storia viene chiamata:

Le Ganes e il lupo

Le ganes vagavano di notte. Si fermavano nello stagno. Dicevano pure che c'era il lupo che ululava, dalle parti di " Rimès dal lof". Per diverse notti le ganes risciacquavano la biancheria nello stagno. Dicevano gli uomini:" Come mai non ci sono le nostre donne e si sente ugualmente sbattere e bisbigliare?" La mamma sosteneva che parlassero ma non si capiva ciò che dicevano. Aggiungeva che erano donne, avvolte in vesti nere, che sbattevano lenzuola bianche.

Testo tratto dal libro '' Agane. Fate d'Acqua'' (di B.Bacchetti: T. Dereani: foto E. Turco) Anguana Edizioni

Un patrimonio quello dei fiumi friulani che risulta essere davvero importante per il benEssere delle persone attraverso le sue proprietà, i suoi paesaggi e la ricchezza culturale appartentente ai diversi territori. Dal fiume Tagliamento, al Natisone, all'Isonzo passando per sorgenti, affluenti e rogge, percorsi e suggestioni, storie antiche e integrazioni, grandi emozioni merito anche dell'antica, ma attuale, sapienza.

Tatiana Dereani


60 visualizzazioni0 commenti